Testo scorrevole

Paolo Pirani scrive su Twitter: “Bene il ritrovato dialogo con l’Europa. Ora investimenti a favore dell’industria, riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori, salvaguardia dei contratti nazionali”
Oggi Paolo Pirani ospite Rainews24
Oggi Paolo Pirani ospite Rainews24
Ripartire dal lavoro
Ripartire dal lavoro
Uiltec e Amref: Azionista della Salute
Uiltec e Amref: Azionista della Salute
Uiltec e Progetto Sud-UIL insieme in Argentina
Uiltec e Progetto Sud-UIL insieme in Argentina

Energia; Pirani ( Uiltec): “Sindacati ed imprese devono muovere insieme sulla strada della transizione energetica e sollecitare il governo”

7 ottobre 2020
Le affermazioni di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec al tavolo strategico tra sindacati e Confindustria Energia tenuto oggi pomeriggio

“Rimaniamo fermamente convinti che occorra avviare congiuntamente un processo di richieste e confronto col governo sui temi della transizione energetica e delle problematiche connesse. Occorre marciare insieme, perché occorre un fronte comune tra imprese e sindacati”. Lo ha detto Paolo Pirani, Segretario generale della Uiltec, che oggi ha partecipato, insieme agli altri leader dei sindacati di settore, al tavolo strategico coi vertici di Confindustria  Energia, la Federazione delle Associazioni del comparto Energia di Confindustria, presieduta da Giuseppe Ricci. La riunione tra le parti si è tenuta in videoconferenza. “Rimane fondamentale – ha continuato Pirani- l’obiettivo della decarbonizzazione, ma per giungere a questo obiettivo ci vuole una pluralità di opzioni possibili da adottare nel tempo della transizione necessaria. Per quanto riguarda lo sviluppo dei nuovi modelli energetici come l'idrogeno e la cattura, stoccaggio e riutilizzo della CO2, è bene tener presente che siamo ancora in una fase di sperimentazione e ci vorrà ancora tempo prima di passare ad una fase di vero e proprio utilizzo industriale. E’ vero che il settore energetico ha già avviato da diversi anni il processo di trasformazione, ma molte realtà, come quelle petrolifere, devono porsi nell’ottica della riconversione. Un grande gruppo, come la Esso, per esempio, minaccia di lasciare il Paese, non condividendo questo cambio di paradigma. Così non va! Infine, sulla necessità di iter autorizzativi certi e veloci occorre sollecitare il governo affinchè si doti di una realtà che dipenda dall’autorità amministrativa stessa, con personale specializzato dedito sia alla progettazione che all’autorizzazione tecnica dei tanti progetti in itinere. Solo così quelle progettualità potranno concretizzarsi senza rimanere sulla carta, inesorabilmente incompiuti”.
Ufficio Stampa Uiltec

Previdenza sanitaria integrativa

Previdenza complementare

UILTEC - Via Po, 162 – 00198 – Roma
Tel. (+39) 06.88.81.15.00
Fax (+39) 06.86.32.19.05
Email: segreteria.nazionale@uiltec.it
Pec: uiltecnazionale@pec.uiltec.it

uiltec mail

Social Network