Testo scorrevole

Paolo Pirani scrive su Twitter: “Bene il ritrovato dialogo con l’Europa. Ora investimenti a favore dell’industria, riduzione del cuneo fiscale per i lavoratori, salvaguardia dei contratti nazionali”
Oggi Paolo Pirani ospite Rainews24
Oggi Paolo Pirani ospite Rainews24
Ripartire dal lavoro
Ripartire dal lavoro
Uiltec e Amref: Azionista della Salute
Uiltec e Amref: Azionista della Salute
Uiltec e Progetto Sud-UIL insieme in Argentina
Uiltec e Progetto Sud-UIL insieme in Argentina

Dichiarazione di Paolo Pirani all'AdnKronos

02 Aprile 2013

Governo: Pirani (UIL), 1 mese e mezzo per passare dai seggi ai saggi; crisi politica fa a pugni con improrogabile esigenza di un vero Governo

Roma, 2 apr. (Adnkronos/Labitalia) - "Abbiamo impiegato un mese e mezzo per passare dai seggi ai saggi". Con una battuta dal sapore amaro, Paolo Pirani, segretario confederale della Uil e segretario generale della Uiltec, commenta con Labitalia le ultime vicende post-elettorali. "La grave crisi politica -aggiunge Pirani, che all'indomani del voto aveva lanciato un duplice appello perchè si insediasse subito un governo e per una nuova unità sindacale - che sta attraversando il Paese fa a pugni con l'improrogabile esigenza di dare un vero governo al paese".

"Noi non siamo -avverte il leader sindacale- né l'Olanda né il Belgio. Il nodo scorsoio dell'ingorgo fiscale cui cittadini e imprese saranno presto chiamati a rispondere rischia di stringersi in modo irreversibile attorno alla gola dell'economia italiana".
Il quadro è preoccupante, ribadisce Pirani: "La disoccupazione cresce e si continuano a perdere in media 2.000 posti di lavoro al giorno. Ci vorrebbe una vera assunzione di responsabilità, da parte di tutti, perchè le decisioni che andranno prese sono decisioni che devono modificare radicalmente nel nostro paese la spesa pubblica e le politiche fiscali".
Pirani chiarisce cosa intende: "Da un lato -spiega- bisogna procedere, con passi da gigante, nella duplice riduzione del peso fiscale sul lavoro e nel taglio di migliaia di centri di spesa che fanno capo alla mano pubblica".
Allo stesso tempo, aggiunge il leader della Uiltec, "occorre ridare liquidità alla nostra economia, indirizzando investimenti in termini strategici e allentando il Patto di stabilità, a partire dai livelli locali".
"Sono scelte che possono essere fatte solo da un governo in carica -conclude Pirani- nel pieno esercizio dei suoi poteri. Il sindacato non può stare a guardare il degrado di una situazione che colpisce il mondo del lavoro, dei pensionati e dei precari, cioè di quelli che noi rappresentiamo".
(Lab /Opr/Adnkronos)

 

Previdenza sanitaria integrativa

Previdenza complementare

UILTEC - Via Po, 162 – 00198 – Roma
Tel. (+39) 06.88.81.15.00
Fax (+39) 06.86.32.19.05
Email: segreteria.nazionale@uiltec.it
Pec: uiltecnazionale@pec.uiltec.it

uiltec mail

Social Network