Acea; Bottaro: “Protocollo sottoscritto oggi con azienda privilegia parità di genere. Intesa importante”

}

20 Lug 2021

Dichiarazione di Andrea Bottaro, segretario nazionale Uiltec

Il protocollo che oggi sottoscriviamo ha una importanza fondamentale e rilevante per l’indirizzo futuro che Acea si vuole dare riguardo i temi delle pari opportunità e delle politiche di genere

Il protocollo che oggi sottoscriviamo ha una importanza fondamentale e rilevante per l’indirizzo futuro che Acea si vuole dare riguardo i temi delle pari opportunità e delle politiche di genere.

Il protocollo ha come punti fondamentali:
– contributo per contrastare la violenza nel mondo del lavoro, nonché facilitare il reintegro in azienda delle persone vittime di violenza.
– permettere che il carico e la cura della famiglia sia condivisa, pertanto orientandoci a sedimentare il concetto di conciliazione vita/lavoro, arricchendolo con quello di condivisione genitoriale.
– punto fondamentale della contrattazione in ottica di genere, e che come categoria ci prefiggiamo, è quello di colmare il divario retributivo di genere. Ci auguriamo che, a seguito del protocollo, riusciremo ad incrementare e migliorare gli accordi in tal senso affinché le lavoratrici non rimangano indietro economicamente nel corso della vita lavorativa rispetto ai colleghi uomini.

Come Uiltec siamo certi che la valorizzazione delle diversità e dell’inclusione rappresentano un’opportunità per creare un valore aggiunto in ambito aziendale, capitalizzando il valore che c’è in ognuno e contribuendo a creare un ambiente di lavoro più sereno e produttivo.

Inoltre, la presenza di punti di vista diversi è un motore di innovazione che permette ad Acea stessa di generare altro valore e diventare più attrattiva verso l’esterno.

Potrebbe interessarti
Per evitare la recessione

Per evitare la recessione

Articolo di Paolo Pirani su Il diario del lavoro E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali... “E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali…”, era il riformismo di Bruno Buozzi. Da allora...