Appalti: Pirani, “No a mobilità per 150mila addetti servizi pubblici essenziali”

}

30 Giu 2021

Il segretario generale della Uiltec intervistato da AdnKronos Labitalia

Appalti: Pirani, “No a mobilità per 150mila addetti servizi pubblici essenziali”

Il sindacalista, sciopero e presidio per cambiare art. 177 codice “Oggi stiamo facendo uno sciopero perché è quasi una beffa, perché mentre si trovano accordi sui licenziamenti siamo alla vigilia dell’apertura di una procedura di mobilità per 150mila lavoratori e lavoratrici dei servizi pubblici essenziali luce gas igiene ambientale, quelli che hanno fatto andare avanti l’Italia nel pieno della pandemia”.

Così, con Adnkronos/Labitalia, Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec, il sindacato di categoria dei lavoratori dell’energia, della chimica e del manifatturiero, dal presidio a Roma in piazza SS Apostoli per manifestare, insieme a Filctem Cgil, Flaei e Femca Cisl e ai lavoratori dei servizi pubblici essenziali contro l’applicazione dell’art.177 del codice degli Appalti.

“C’è un articolo di legge il 177 del codice appalti -attacca Pirani- che dice infatti che questi settori devono essere frammentati, smembrati, devono essere per l’80% messi in appalto. Precarietà, incertezza, incidenti sul lavoro: è questa la beffa, è questo quello a cui noi diciamo di no”.

“Vogliamo dei servizi pubblici industrialmente avanzati che diano un servizio, che diano sicurezza e dignità a chi ci lavora. Via l’articolo 177 , cambiamo questa legge iniqua, mandiamo avanti delle politiche per un settore importante come quello dei servizi pubblici”, conclude Pirani.

Potrebbe interessarti
Contratti: Tessile; Piras (Uiltec), congedi a coppie fatto

Contratti: Tessile; Piras (Uiltec), congedi a coppie fatto

Scudo contro concorrenza sleale, patto anti dumping salariale Un accordo caratterizzato da molti elementi innovativi sul piano sociale, come il pieno riconoscimento dei diritti dei lavoratori sia in termini di conservazione del posto di lavoro in caso di malattia, che...

Rinnovo del contratto dei tessili. Così si rilancia il made in Italy

Rinnovo del contratto dei tessili. Così si rilancia il made in Italy

Articolo di Antonello Di Mario su Formiche.net Aumento complessivo su base mensile di 74 euro per i tessili. Fatto il contratto del Settore Moda Italia. Intesa oggi a Milano tra Smi-Federazione tessile e Filctem, Femca, Uiltec. Il Ccnl vigente fino al 31 marzo del...