Enel: il nuovo smart working sarà volontario, regolato da un accordo sindacale e deciso insieme ai lavoratori

}

08 Apr 2021

La campagna di vaccinazione in corso consente di veder finire in tempi ragionevoli lo stato di emergenza che stiamo vivendo da più di un anno. Il ritorno ad una condizione di normalità, anche nei luoghi di lavoro, si fa concreta.

FILCTEM, FLAEI, UILTEC rivendicano un confronto con l’azienda, per definire il nuovo accordo che sostituirà lo smart working regolato nel 2017 in Enel.

In questi mesi, le OOSS e l’azienda, hanno avviato un confronto finalizzato a fare in modo che lo smart working del post pandemia, sia il risultato di un accordo sindacale che definisca regole certe, precise, durature e valide per tutti i dipendenti. Compresi i Responsabili aziendali. Sindacato e azienda hanno già firmato accordi che disciplinano e regolano l’uso dello smart working nel contesto emergenziale.

Leggi il documento unitario

Potrebbe interessarti
Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec “Porre un tetto al prezzo del gas è cosa buona e giusta. Lo proponiamo da tempo; lo stesso hanno fatto imprese come Eni; è giunto il momento che il governo si faccia sentire presso la Commissione europea...