google-site-verification=4D8saRoM28MTNhOV0nH9Dgk9S5jtxbcNlNggLLQ3Eos

Lavoro. Pirani: Bene accordo licenziamenti, rivedere appalti su servizi pubblici

}

30 Giu 2021

Il segretario generale della Uiltec intervistato da agenzia di stampa Dire

Frammentati, smembrati e per l’80% messe in appalto: precarietà, incertezza e incidenti sul lavoro, questa la beffa per cui scioperiamo

Ieri sera sui licenziamenti “è stato fatto un importante accordo, non è tutto quello che volevamo”. Così il segretario della Uiltec, Paolo Pirani, che spiega alla ‘Dire’: “viene mantenuto il blocco in importanti settori come tessile, abbigliamento e calzaturiero e viene assunto l’impegno per tutte le altre aziende di usare tutti gli ammortizzatori sociali, prima di avviare le procedure di licenziamento”.

Rispetto alla mobilitazione di oggi del settore luce e gas per abolire l’articolo 177 del codice degli appalti, il sindacalista parla di “beffa perchè, mentre si trova un accordo sui licenziamenti, siamo alla vigilia di una apertura di mobilità per 150 mila lavoratori dei servizi pubblici essenziali, quelli che hanno fatto andare avanti l’Italia nel pieno della pandemia”.

Il codice degli appalti, spiega Pirani, impone che questi settori siano “frammentati, smembrati e per l’80% messe in appalto: precarietà, incertezza e incidenti sul lavoro, questa la beffa per cui scioperiamo. Vogliamo servizi avanzati che siano un servizio e sicurezza e dignità a chi ci lavora. Via l’articolo 177, cambiamo questa legge iniqua, mandiamo avanti politiche per un settore così importante”, è l’appello finale.

Guarda l’intervista di Paolo Pirani

Potrebbe interessarti
Il giusto equilibrio nell’uso delle fonti energetiche

Il giusto equilibrio nell’uso delle fonti energetiche

Articolo di Paolo Pirani su Il diario del lavoro Non vi è rosa senza spine, ma vi sono parecchie spine senza rose “Non vi è rosa senza spine, ma vi sono parecchie spine senza rose” osservò argutamente il filosofo Schopenhauer. Potrebbe essere perfino la foto del...