Lavoro; Pirani: “Soddisfatti per rinnovo Ccnl del settore chimico-farmaceutico. 204 euro di aumento medio a regime è un risultato contrattuale di valore”

}

13 Giu 2022

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec nazionale

Un’intesa contrattuale innovativa e strategica per valori e contenuti. Altri accordi di questa valenza caratterizzeranno nei giorni a venire dei nuovi rinnovi contrattuali di diversi settori industriali di nostra competenza

Lavoro; Pirani (Uiltec): ” Soddisfatti per rinnovo Ccnl del settore chimico-farmaceutico. 204 euro di aumento medio a regime è un risultato contrattuale di valore”

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec nazionale

“Un’intesa contrattuale innovativa e strategica per valori e contenuti. Altri accordi di questa valenza caratterizzeranno nei giorni a venire dei nuovi rinnovi contrattuali di diversi settori industriali di nostra competenza. Con questo epilogo positivo abbiamo aumentato in maniera strutturale il potere d’acquisto delle retribuzioni di tutti gli addetti del settore chimico e farmaceutico. Non c’è altra strada che quella di aumentare i salari attraverso una sana contrattazione tra le parti che ricevono così un’equa soddisfazione reciproca, con effetti benefici sia dal punto di vista produttivo che da quello del lavoro. Siamo orgogliosi e soddisfatti del risultato conseguito. I lavoratori apprezzeranno assai”.

Così Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec, ha commentato l’accordo tra i sindacati di settore e Federchimica e Farmindustria siglato nel tardo pomeriggio di oggi per il rinnovo del Ccnl del settore specifico.

“Si tratta – ha precisato Pirani-  di un aumento medio a regime di circa 204 euro relativo al triennio che va dal prossimo primo luglio al 30 giugno 2025. L’intesa riguarda circa 170mila lavoratori”.

Ufficio Stampa Uiltec

Leggi il testo dell’ipotesi di accordo

Potrebbe interessarti
Per evitare la recessione

Per evitare la recessione

Articolo di Paolo Pirani su Il diario del lavoro E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali... “E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali…”, era il riformismo di Bruno Buozzi. Da allora...