Le conseguenze di una guerra

}

14 Mar 2022

Articolo di Paolo Pirani su Il Diario del Lavoro

La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire

“La guerra non si può umanizzare, si può solo abolire” ricordava Albert Einstein, ma con il ritorno del conflitto in Europa questa considerazione dimostra solo che si ricade drammaticamente nella stessa tragedia.

Quella umanitaria in Ucraina ha assunto dimensioni angoscianti dopo l’aggressione della Russia di Putin e chiama i popoli europei ad un dovere di solidarietà al quale non ci si deve sottrarre.

Il sindacato, ovviamente, non può intanto che ribadire la sua ferma adesione ai valori di sempre e che impongono di stare senza ambiguità dalla parte di chi difende la sua libertà e la sua indipendenza.

Ed ha già dimostrato di esser pronto ad un concreto sforzo solidale verso la popolazione ucraina.

Leggi l’articolo completo su Il diario del lavoro

Potrebbe interessarti
CCNL Chimico Farmaceutico: Varata la piattaforma per il rinnovo

CCNL Chimico Farmaceutico: Varata la piattaforma per il rinnovo

180 euro la richiesta dei sindacati per il triennio L’assemblea unitaria di Filctem Cgil, Femca Cisl, Uiltec Uil ha varato la piattaforma rivendicativa per il rinnovo del contratto nazionale di lavoro del settore chimico-farmaceutico per triennio 1° luglio 2022 - 30...