google-site-verification=4D8saRoM28MTNhOV0nH9Dgk9S5jtxbcNlNggLLQ3Eos

Paolo Pirani intervistato dall’Ansa

}

30 Giu 2021

Pirani, a rischio 150mila posti in servizi pubblici

Vogliamo servizi pubblici industrialmente avanzati, che diano un servizio, sicurezza e dignità a chi ci lavora

Il testo integrale dell’agenzia di stampa

Pirani, a rischio 150mila posti in servizi pubblici
“Mentre si trovano accordi sui licenziamenti siamo alla vigilia dell’apertura di una procedura di mobilità per 150mila lavoratori e lavoratrici dei servizi pubblici essenziali: luce, gas, nettezza urbana, igiene ambientale.

Oggi stiamo facendo uno sciopero perché è quasi una beffa”. Così il segretario generale della Uiltec, Paolo Pirani, dal presidio di Piazza Santi Apostoli a Roma dove si sono radunati i lavoratori dei servizi pubblici essenziali in sciopero.

“L’art. 177 del Codice degli appalti – spiega – dice che questi settori devono essere frammentati, smembrati, per l’80% messi in appalto: precarietà, incertezza, incidenti sul lavoro, è questo ciò a cui diciamo di no. Vogliamo servizi pubblici industrialmente avanzati, che diano un servizio, sicurezza e dignità a chi ci lavora”.

Potrebbe interessarti
Il giusto equilibrio nell’uso delle fonti energetiche

Il giusto equilibrio nell’uso delle fonti energetiche

Articolo di Paolo Pirani su Il diario del lavoro Non vi è rosa senza spine, ma vi sono parecchie spine senza rose “Non vi è rosa senza spine, ma vi sono parecchie spine senza rose” osservò argutamente il filosofo Schopenhauer. Potrebbe essere perfino la foto del...