Paolo Pirani su Adnkronos: Guerra Ucraina: “Rischio blackout energetici in prossimi mesi”

}

24 Feb 2022

L’allarme del leader del sindacato: “Aumentare estrazione gas, Tap e rigassificatori subito”

Dobbiamo avere una strategia per rendere l’Italia, ma anche l’Europa, indipendente dal punto di vista dell’energia. L’economia va avanti se si produce energia. Senza energia o con un’energia sottoposta al tallone di Mosca non si va da nessuna parte

Con lo scoppio del conflitto tra Russia e Ucraina “ci saranno degli aspetti economici molto pesanti perchè la nostra economia soprattutto dal punto di vista dell’approvigionamento energetico e delle materie prime è legata alle importazioni.

E fino ad ora non abbiamo dei piani B. La Francia può contare sulle centrali nucleari, la Germania prolunga le centrali a carbone.

noi rischiamo di trovarci in mezzo al guado senza la possibilità di approvvigionarci in maniera sostenibile”.

Così, intervistato da Adnkronos/Labitalia, Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec, il sindacato di categoria dei lavoratori dell’energia, della chimica e del manifatturiero, dopo l’attacco di stamane della Russia all’Ucraina.

Leggi l’articolo completo su Adnkronos

Potrebbe interessarti
Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec “Porre un tetto al prezzo del gas è cosa buona e giusta. Lo proponiamo da tempo; lo stesso hanno fatto imprese come Eni; è giunto il momento che il governo si faccia sentire presso la Commissione europea...