google-site-verification=4D8saRoM28MTNhOV0nH9Dgk9S5jtxbcNlNggLLQ3Eos

Lavoro. Pirani: Transizione energetica serva a riformare e non a distruggere industria

}

16 Lug 2021

Paolo Pirani intervistato dall’agenzia di stampa Dire

“La crisi è ancora molto presente e sta mordendo l’industria, la transizione energetica rischia di essere un processo di deindustrializzazione se non si determinano delle vere politiche industriali”.

Lo sottolinea il segretario generale della Uiltec, Paolo Pirani.

Interpellato dalla ‘Dire’, il sindacalista spiega: “Oggi abbiamo un’opportunità per evitare la chiusura delle aziende ed è l’utilizzo dell’accordo sulle 13 settimane di cassa integrazione, che consentirebbe, se accompagnato da scelte industriali e da un utilizzo razionale dei fondi europei, di disegnare un processo di rilancio del nostro paese in termini di politiche industriali, per una transizione energetica che trasformi l’industria e non la distrugga”.

Solo così, conclude il sindacalista, “il Paese riprende il proprio cammino e ruolo a livello livello internazionale”.

Potrebbe interessarti
Il giusto equilibrio nell’uso delle fonti energetiche

Il giusto equilibrio nell’uso delle fonti energetiche

Articolo di Paolo Pirani su Il diario del lavoro Non vi è rosa senza spine, ma vi sono parecchie spine senza rose “Non vi è rosa senza spine, ma vi sono parecchie spine senza rose” osservò argutamente il filosofo Schopenhauer. Potrebbe essere perfino la foto del...