Industria; Pirani: “Onorati per il pieno di consensi nel distretto industriale di Siracusa

}

04 Mar 2022

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec

Onorati per il pieno di consensi nel distretto industriale di Siracusa. 44 seggi conquistati sui 107 disponibili nei rinnovi delle Rsu è la riconferma di un primato che ci carica di responsabilità

“Un successo che ci carica di responsabilità verso il mondo del lavoro e di quello della produzione colto nella realtà del polo industriale di Siracusa che è tra i più grandi del Mediterraneo con stabilimenti pienamente integrati per la produzione di prodotti energetici e chimici.

Ringraziamo i lavoratori, i candidati e gli eletti nelle nostre liste e quanti ci hanno sostenuto elettoralmente. Complimenti alla segreteria della Uiltec per l’importante risultato conseguito”.

Così Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec, ha commentato i rinnovi delle Rsu nell’area industriale di Siracusa dove la Uiltec si è riconfermata l’organizzazione più votata nelle aziende coinvolte dalla fase elettorale con 44 delegati sindacali eletti rispetto ai 107 seggi disponibili.

I consensi all’organizzazione dei lavoratori tessili, dell’energia e della chimica hanno ottenuto complessivamente 1183 consensi. 

E’ bene ricordare che il distretto industriale in questione, con oltre 3000 addetti diretti, 5000 considerando l’indotto, e più di 1200 aziende rappresenta una realtà fondamentale non solo per la Sicilia ma per l’intero sistema nazionale grazie alla generazione di un valore aggiunto di quasi un miliardo di euro.

“Siamo orgogliosi di questo trend- ha chiosato Pirani- che fa della Uiltec il sindacato guida di una fondamentale parte dell’economia del Meridione”.

Ufficio Stampa Uiltec

Potrebbe interessarti
Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec “Porre un tetto al prezzo del gas è cosa buona e giusta. Lo proponiamo da tempo; lo stesso hanno fatto imprese come Eni; è giunto il momento che il governo si faccia sentire presso la Commissione europea...