Previdenza; Pirani: “Nostra organizzazione cresce in consensi nei fondi contrattuali Fonchim e Faschim”

}

18 Mar 2022

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale Uiltec

Un’importante affermazione della Uiltec sul fronte della bilateralità inerente i fondi contrattuali Fonchim e Faschim

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale Uiltec

“Un’importante affermazione della Uiltec sul fronte della bilateralità inerente i fondi contrattuali Fonchim e Faschim. Confermiamo i seggi nel primo fondo e cresciamo nel secondo. Si tratta di una tendenza positiva che premia la scelta sindacale del sistema partecipativo e condiviso. Siamo orgogliosi di questo virtuoso agire sindacale che risulta sempre più apprezzato dai lavoratori”.

Così Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec ha commentano il risultato finale degli scrutini riguardanti le elezioni per il rinnovo delle assemblee dei fondi contrattuali, sia previdenziale che sanitario, delle imprese  chimiche, farmaceutiche e del vetro dove l’organizzazione sindacale in questione ha conquistato 5 seggi in Fonchim, come nelle precedenti elezioni),e 3 seggi in Faschim , un seggio in più rispetto alla precedente tornata elettorale.

Fonchim è il Fondo  Complementare a Capitalizzazione per i lavoratori dell’industria chimica e farmaceutica e dei settori affini e conta su 160mila aderenti.

Faschim, invece, è il Fondo di Assistenza Sanitaria per i lavoratori dell’industria chimica, chimico farmaceutica, delle fibre chimiche e dei settori abrasivi, lubrificanti e GPL.

E’ presente anche per i lavoratori del Ccnl coibentazioni. Assiste gli iscritti al fondo e i loro familiari che ammontano in totale a circa 137mila unità.

Ufficio Stampa Uiltec

Potrebbe interessarti
Per evitare la recessione

Per evitare la recessione

Articolo di Paolo Pirani su Il diario del lavoro E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali... “E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali…”, era il riformismo di Bruno Buozzi. Da allora...