Energia; Pirani: “Soddisfatti per approvazione decreto che metanizza la Sardegna. Ora la Regione può guardare con fiducia alla ripresa economica”

}

31 Mar 2022

Dichiarazione di Paolo Pirani, Segretario generale della Uiltec nazionale

Si tratta di una scelta utile alla necessaria transizione energetica della Sardegna, ma soprattutto di una determinazione richiesta dal sindacato regionale e nazionale che permetta alla realtà insulare in questione di usufruire della metanizzazione come fonte primaria di approvvigionamento

Dichiarazione di Paolo pirani, Segretario generale della Uiltec nazionale
“Si tratta di una scelta utile alla necessaria transizione energetica della Sardegna, ma soprattutto di una determinazione richiesta dal sindacato regionale e nazionale che permetta alla realtà insulare in questione di usufruire della metanizzazione come fonte primaria di approvvigionamento”.

Così Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec ha espresso soddisfazione per la firma odierna del Dpcm Sardegna riguardante la metanizzazione e la infrastrutturazione correlata.

“Ne trarranno beneficio – ha continuato Pirani tutta la comunità sarda, i grandi poli industriali in difficoltà, le realtà della piccola e media impresa. Ora occorre fare sistema affinchè istituzioni, imprese e sindacati aiutino in modo coeso e responsabile la fase realizzativa che deve essere celere e risolutiva per il rilancio economico della Sardegna.

Insomma, siamo in presenza di una importante decisione di politica energetica che avrà ricadute positive sulla crescita economica della regione in questione e che scongiurerà una crisi che si paventava come ineludibile. Siamo lieti di quanto è accaduto e faremo la nostra parte per il tempo che verrà”

Ufficio Stampa Uiltec

Potrebbe interessarti
Per evitare la recessione

Per evitare la recessione

Articolo di Paolo Pirani su Il diario del lavoro E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali... “E’ tempo che la classe operaia dica la sua anche sui maggiori problemi industriali…”, era il riformismo di Bruno Buozzi. Da allora...