Recovery Fund: manca il finanziamento per progetto ENI a Ravenna.

}

23 Gen 2021

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec

“E’ un assurdità che non compaia nel testo, approvato dal Consiglio dei Ministri relativo al Recovery Fund, il finanziamento all’impianto di cattura e stoccaggio della CO2 a Ravenna progettato dall’Eni.

E’ l’esempio lampante di come quel piano nazionale manchi di governance, rinunciando a sostenere un’eccellenza italiana che poteva essere il più grande hub europeo del settore specifico”. Così Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec nazionale esprime il proprio rammarico sull’ennesina svista del governo Conte sulla via della transizione energetica. “Da una parte – continua Pirani- si scrive che occorre sostenere l’economia circolare basata su quella verde e dall’altro si rinuncia a farlo come dimostra il caso in questione. Con queste illogicità manifeste il Paese non solo ci perde la faccia, ma occupazione, produzione energetica, col rischio sempre più evidente di dipendere energicamente da nazioni terze. Altro che resilienza e rinascita economica. Qui ci facciamo male da soli”. Il leader della Uiltec ricorda quella che doveva essere la prospettiva ravennate: “Ravenna doveva divenire– ha ribadito Pirani- il più grande centro europeo per la cattura e stoccaggio della CO2. Ma si sarebbe dovuto tornare ad investire sulle attività estrattive del gas naturale di cui è ricco il mar Adriatico. Non ci sono altre strade: la decarbonizzazione del sistema industriale deve poter passare per il ciclo combinato del gas, sulla cattura e sullo stoccaggio dell’anidride carbonica. Quindi, ci vogliono investimenti mirati a favore della transizione energetica, attraverso il Piano di ripresa denominato ‘Next Generation Italia’. Ma con tutte le risorse europee disponibili riusciamo a farne a meno. Confidiamo che il ‘management’ di Eni riesca comunque a trovare i finanziamenti per sostenere il progetto di Ravenna come previsto dal piano industriale che ci ha presentato”


Ufficio Stampa Uiltec

Potrebbe interessarti
Contratti: Tessile; Piras (Uiltec), congedi a coppie fatto

Contratti: Tessile; Piras (Uiltec), congedi a coppie fatto

Scudo contro concorrenza sleale, patto anti dumping salariale Un accordo caratterizzato da molti elementi innovativi sul piano sociale, come il pieno riconoscimento dei diritti dei lavoratori sia in termini di conservazione del posto di lavoro in caso di malattia, che...

Rinnovo del contratto dei tessili. Così si rilancia il made in Italy

Rinnovo del contratto dei tessili. Così si rilancia il made in Italy

Articolo di Antonello Di Mario su Formiche.net Aumento complessivo su base mensile di 74 euro per i tessili. Fatto il contratto del Settore Moda Italia. Intesa oggi a Milano tra Smi-Federazione tessile e Filctem, Femca, Uiltec. Il Ccnl vigente fino al 31 marzo del...