Richiesta di presa di posizione del sindacato europeo e mondiale sulla crisi Ucraina e Russia

}

22 Feb 2022

Costruire una soluzione politica e negoziata che debba escludere un intervento militare

Vogliamo sollecitare l’urgenza con cui il sindacato industriale mondiale deve prendere posizione chiara di descalation in merito alla crisi tra Russia e Ucraina

Cari Atle e Jorg, a nome di tutti i sindacati italiani affiliati a IndustriAll Global, vogliamo sollecitare l’urgenza con cui il sindacato industriale mondiale deve prendere posizione chiara di descalation in merito alla crisi tra Russia e Ucraina e la necessità di costruire una soluzione politica e negoziata che debba escludere un intervento militare.

Stiamo vivendo una preoccupante escalation di tensione fra le due nazioni, con un probabile coinvolgimento di Stati Uniti e Nato nel conflitto.

Come hanno dichiarato le nostre confederazioni, anche noi siamo d’accordo che ogni Paese chieda il rispetto e l’inviolabilità dei propri confini, ma vogliamo ricordare che il ricorso alla violenza ha sempre generato altra sofferenza e creato nuovi conflitti.

Pertanto, chiediamo a IndustriAll Global di prendere urgentemente una posizione di neutralità attiva e che possa aiutare alla ricerca di un accordo politico negoziato con il rispetto e la sicurezza dei diritti delle popolazioni coinvolte, senza un intervento militare.

Siamo fiduciosi che accoglierete la nostra richiesta.

Filctem, Femca, Uiltec, Fim, Flaei, Fiom, Uilm

Leggi la lettera unitaria in inglese

Potrebbe interessarti
Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Energia; Pirani: “Ci vuole,mai come ora, un tetto al prezzo del gas”

Dichiarazione di Paolo Pirani, segretario generale della Uiltec “Porre un tetto al prezzo del gas è cosa buona e giusta. Lo proponiamo da tempo; lo stesso hanno fatto imprese come Eni; è giunto il momento che il governo si faccia sentire presso la Commissione europea...